«Caso Santoro», sulla proprietà di via delle Calcare ci sono cose che non tornano

April 2, 2019

 

Nella causa tra il consigliere comunale Mario Santoro e il comune di Rocca di Papa c’è un aspetto rimasto ai margini e che invece potrebbe diventare determinante nell’udienza che si terrà tra un mese, il 7 maggio, presso il tribunale di Velletri. Si tratta di via delle Calcare: chi ne era proprietario nel febbraio 2013 quando avvenne l’incidente che coinvolse Santoro? Per quanto tale domanda possa apparire banale nella sua semplicità, è proprio qui che bisogna fare chiarezza visto che stiamo parlando di un contenzioso che, almeno sulla carta, vale quasi 7 milioni di euro. E stabilire chi fosse il gestore di quest’arteria stradale è tutt’altro che irrilevante.

 

Nel febbraio 2013 sindaco di Rocca di Papa era Pasquale Boccia, il quale ha confermato che all’epoca dei fatti quella strada era sotto la custodia e la gestione dell’Astral (Azienda Strade Lazio), la società regionale che si occupa proprio di questo settore. La conferma arriva anche dal Responsabile dell’ufficio lavori pubblici del comune, Luigi De Minicis, il quale, rispondendo a una precisa domanda fatta dal Consigliere Lorenzo Romei che sulla vicenda ha deciso di fare la massima chiarezza, ha ribadito che via delle Calcare non era tra le strade di responsabilità del Comune. Stessa versione fornita da un altro impiegato dell’ufficio comunale, il geometra Battisti: la strada è della Regione Lazio attraverso l’Astral.

 

TUTTI LO DICO MA NESSUNO LO SCRIVE

Tutti concordano sul fatto che la strada non fosse di competenza del Comune ma nessuno lo mette nero su bianco. Perché? Hanno ricevuto pressioni? Dovete sapere che Lorenzo Romei, dopo aver chiesto informazioni verbali sia a De Minicis sia a Battisti, ha chiesto loro una cosa ovvia, talmente ovvia da apparire scontata: un’attestazione su carta intestata del Comune in cui si dica esplicitamente che via delle Calcare nel febbraio 2013 non era di competenza del Comune di Rocca di Papa. Una dichiarazione che, per come la vediamo noi, potrebbe chiudere definitivamente il contenzioso avviato da “Santoro Mario + altri” a tutto vantaggio di Crestini in quanto sindaco. Come pensate sia finita? Che sia il Responsabile di settore, De Minicis, sia il geometra Battisti, si sarebbero rifiutati di mettere per iscritto ciò che avevano detto a voce circa la proprietà della strada. Si sarebbero rifiutati –ha spiegato Lorenzo Romei – per questioni legate alla privacy. La privacy di chi, visto che stiamo parlando di una strada? La scusa è talmente assurda che viene da pensare: potevano almeno inventarne una più plausibile. Tipo: abbiamo finito la carta o il toner della stampante. Oppure: ho un crampo alla mano e non posso firmare.  Eppure questa semplice attestazione potrebbe, come si dice in gergo, tagliare la testa al toro.

 

LO ATTESTA ANCHE UNA SENTENZA DEL TAR

A sostegno di quanto asseriscono a voce l’ex sindaco Boccia e i dipendenti comunali che la strada nel 2013 fosse di competenza regionale, è anche la sentenza del TAR Lazio n. 10615 del 10 dicembre 2013, in cui un cittadino chiama in causa la Regione e l’Astral per un risarcimento danni per una questione di espropri legati a via delle Calcare. Perché questo cittadino chiama in causa la Regione e l’azienda regionale (peraltro condannati dai giudici) ma non il Comune? Semplicemente perché gli espropri relativi a via delle Calcare erano stati eseguiti non dal Comune ma da chi in quel momento aveva in capo la gestione della strada, cioè la Regione attraverso l’ Azienda Strade Lazio (Astral).

 

MA GLI AVVOCATI DICONO IL CONTRARIO

Tutto chiarito quindi? Non proprio, visto che il 28 aprile 2018 lo studio legale che difende il Comune di Rocca di Papa contro Santoro, nelle memorie difensive presentate al giudice di Velletri, a pagina 2 dice esattamente l’opposto, cioè che «Via delle Calcare altezza civico 59 (è) di proprietà del Comune convenuto». Perché scrivono questo? È stata una loro erronea valutazione o, come è più probabile, hanno ricevuto l’informazione da qualcuno del Comune di Rocca di Papa? E da chi?

 

L’aspetto è molto delicato perché, leggendo questa memoria difensiva, il giudice chiamato a valutare il contenzioso potrebbe dare per scontato che via delle Calcare all’epoca dei fatti contestati fosse di proprietà del Comune mentre, a giudicare da quello che dicono Boccia, De Minicis e Battisti, nonché quello che sostiene una sentenza del TAR del 2013, sembra proprio di no. Ecco quindi che chiarire quest’aspetto, alla luce di come si è sviluppato il “caso Santoro”, è determinante visto che la dichiarazione sulla proprietà di via delle Calcare fatta dai legali del Comune si lega a un’altra anomalia, quella contenuta nella delibera di giunta n. 56 del 23 aprile 2018 in cui qualcuno, non sappiamo chi, ha artatamente cambiato l’oggetto della causa nascondendo il nome di Mario Santoro unitamente alla cifra in ballo. Motivo per cui nessuno, fino al consiglio comunale del 26 febbraio 2019 con l’intervento di Lorenzo Romei, si era accorto che tale causa riguardasse un consigliere comunale in carica e quindi in evidente conflitto di interesse (art. 63 del TUEL).

 

Resta da capire se ci troviamo di fronte semplicemente a una gestione superficiale della vicenda o se qualcuno ha provato volutamente a mischiare le carte in tavola. La differenza, capite bene, non è di poco conto.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Dalla parte dei lettori
Andrea Sebastianelli
Direttore Responsabile
Il Segno, che non ha mai usufruito
di finanziamenti pubblici, nasce
nel 2002 per riempire un vuoto:
far conoscere ai cittadini tutte quelle notizie altrimenti destinate a rimanere chiuse nei cassetti dei politici.
Questo è l'impegno che
portiamo avanti ancora oggi.
Leggi qui l'ultimo numero
Il segno ottobre 2019 prima pagina.jpg
Consulta l'archivio online
Il Segno su Facebook
Sostieni la nostra libertà
Inviaci un contributo
Associazione Culturale
Editoriale il Segno
Via dei Monti, 24
00040 Rocca di Papa (Roma)
Banca di Credito Cooperativo
dei Castelli Romani e del Tuscolo
N. IBAN:
IT-12-Q-07092-39230
0000-0011-0977

Also Featured In

    Like what you read? Donate now and help me provide fresh news and analysis for my readers   

© 2023 by "This Just In". Proudly created with Wix.com